Announcement

Collapse
No announcement yet.

Gestione della manutenzione - Revit?

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Gestione della manutenzione - Revit?

    Buongiorno a tutti, dopo svariate ricerche di alcune settimane provo a chiedere a voi esperti.

    Ho bisogno di gestire il modello Revit Impiantistico dal punto di vista della manutenzione, ma non vorrei limitarmi a produrre un semplice piano di manutenzione (quello richiesto solitamente) ma fare interagire il modello per far si che produca degli avvisi utili alle eventuali sostituzioni di lampade per esempio...
    Qualcuno di voi ha affrontato la questione?

    Grazie in anticipo!!

    S.

  • #2
    Certamente...

    Che si parli di manutenzioni o progettazione e che siano lampade o pilastri, la soluzione è sempre la stessa.
    Le opzioni sono tre: metodo Coleman dove crei delle apposite viste e, dopo averli selezionati, cambi (sovrascrivi) la rappresentazione grafica degli oggetti / all'estremo opposto, usare un software di facility che ti evidenzia le cose / nel mezzo, millemila sfumature utilizzando set di filtri in abbinata ad applicazioni specifiche ecc ecc.

    ...penso che tu sia nel mezzo
    Crei una serie di parametri che ti permettano di "classificare" gli oggetti.
    Devi pensare a come vuoi fare le selezioni... quindi se uno dei requisiti è la tipologia dovrai avere un parametro che contenga i valori "led" "filamento" "neon" "criptonite" ecc se è il consumo userai il già presente parametro del wattaggio, se è per tipologia di lampadario un parametro per "a muro" "sospensione" "sospensione multipla" "antigravità" ecc e questa è la cosa più difficile da fare in quanto devi tradurre le regole di base in parametri e poi valorizzarli (valorizzare nei cad/bim = inserire il giusto valore)
    I parametri da utilizzare sono quelli di sistema degli oggetti, quelli che appaiono nelle istanze quando inseriti, quelli inseriti nelle famiglie se condivisi, quelli creati nel progetto, quelli creati nel progetto ma in modo condiviso.
    ...in pratica la "base dati" è molto varia e frazionata, per tutta una serie di ovvi e giusti motivi che non sto qua a spiegarti.

    Poi viene la cosa divertente: ovvero definire tutta una serie di filtri che, basati sui valori dei parametri, permettano una "selezione" degli oggetti che corrispondono a uno o più criteri di valutazione.
    ...divertente è un eufemismo ovviamente

    Quindi non ti resta che creare una vista, aggiungere i filtri e quindi semplicemente impostare cosa vuoi fare graficamente agli oggetti di ogni filtro.
    Puoi spegnerli, puoi renderli trasparenti, puoi colorarli con un colore a piacere.
    Da notare che i filtri di selezione in realtà possono funzionare anche come "non selezioni". Cioè posso impostare un filtro che seleziona tutto quello che "non corrisponde" a qualcosa. Applicazione? faccio un filtro che seleziona tutto quello che NON ha tipologia "led"... avrò la vista delle lampade da sostituire.
    Questo magheggio è necessario perché i filtri vendono applicati in ordine e, se sono in contrasto tra loro o riguardano lo stesso oggetto, perché più verifiche danno risultato positivo e negativo contemporaneamente... beh il risultato grafico finale non sarà corretto perché non so qual'è l'ultimo filtro applicato e quindi se tutti gli oggetti, che volevo, sono evidenziati.

    Con un po' di aiuto di dynamo potresti anche impostare un parametro di progetto per la data e quindi evidenziare una serie di oggetti i cui valori, di uno specifico parametro, siano superiori o inferiori.
    ...il limite è solo la tua fantasia.
    Last edited by Gjiom; 05 September 2018, 10:51.
    Bye Gjiom

    "Sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci"


    "Il BIM è anche un modello 3D, ma non tutti i modelli 3D sono BIM"

    Comment


    • #3
      Inutile dire che sei il TOP.
      Non ho mai utilizzato Dynamo ma penso che sia il caso di vederlo e approfondirlo; il discorso della data sarebbe fondamentale.

      Infinite grazie ora devo solo applicarmi!

      Comment


      • #4
        Sono ancora qui, mi è stato suggerito semplicemente di aggiungere dei parametri alle famiglie (caricabili solo) da utilizzare come indicatore di manutenzione, magari anche collegato alla data reale del pc (come suggerito da Denti a sciabola..).

        Che dite? Forse è la via più veloce e facile?

        Grazie in anticipo

        Comment


        • #5
          ...che è quello che ti avevo suggerito.

          "caricabili solo" ???
          Mi fai venire un dubbio... vuoi forse dire che aprirai le famiglie per mettere questi parametri?
          Bye Gjiom

          "Sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci"


          "Il BIM è anche un modello 3D, ma non tutti i modelli 3D sono BIM"

          Comment


          • #6
            Sto provando alcuni modi... adesso sto provando tramite i parametri condivisi ma non riesco a creare un parametro data..
            Avevo pensato anche di inserire alcuni parametri all'interno delle famiglie stesse... Ca****a??

            Comment


            • #7
              Ad ogni modo sto seguendo la via da te indicata tramite i parametri condivisi, l'unica cosa è che mi è fondamentale creare un parametro di "countdown".. praticamente --> data sostituzione lampadina - data attuale = giorni rimanenti, il che mi blocca..

              Comment


              • #8
                Se ti hanno consigliato di aprire le famiglie e mettere i parametri... cambia pusher.

                Tu devi usare "parametri di progetto condivisi" a prescindere.
                Potrai decide si associarli o meno a quella categoria di famiglie caricabili, ma allo stesso modo di estenderli alle famiglie di sistema.

                Stai sbagliando SW, quel tipo di gestione la fa quello di facility managment.
                Tu al massimo registri quando hai cambiato la lampadina e basta. Ma anche no, ti basta un ID.
                Sarà il FM che ti avviserà quella da cambiare e quando.

                Per "accenderla" nel progetto userai un apposito filtro che punterà al "codice id" dell'oggetto. O degli oggetti.
                ...anche in id temporaneo magari

                Revit lo puoi ovviamente usare per popolare il dbase del FM.

                Se proprio vuoi una data...
                Visto che un tipo di parametro data non c'è (ancora) devi usare un intero in cui immetti il numero di giorni trascorsi da una certa data. Ne vuoi una a "caso" ? 1 gennaio 1900.
                E' la base su cui funzionano tutti i sw... c'è anche un set di funzioni in excel se vuoi sperimentare =DATA.VALORE("19/09/2018") di da 43362



                Bye Gjiom

                "Sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci"


                "Il BIM è anche un modello 3D, ma non tutti i modelli 3D sono BIM"

                Comment


                • #9
                  Oppure vai al Digitalbim, dentro al saie di Bologna, il 21... C'è Mauro Sogni che fa vedere un giochetto Revit + Dynamo + Pyton + Google calendar
                  Bye Gjiom

                  "Sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci"


                  "Il BIM è anche un modello 3D, ma non tutti i modelli 3D sono BIM"

                  Comment


                  • #10
                    Hahaha per la storia del pusher accetto il consiglio, grazie.

                    Al Digital sicuramente ci sarò a curiosare (stand?).

                    Ho fatto prorprio tramite numeri interi ma il problema è che non essendo collegato alla data reale, ogni giorno mi trovo sempre i giorni rimanenti uguali. Devo imparare Dynamo..

                    Comment


                    • #11
                      Tadaaaa, arrivo tardi?
                      se ti serve ancora ti spiego come fare quello che ti serve con python su Revit.

                      Chiedo scusa ma la mia attività sui forum è minima. (Mi hanno girato il link al post)
                      Last edited by IzzyCole; 21 November 2018, 23:25.

                      Comment


                      • #12
                        No Mauro, tranquillo... sono solo due mesi

                        Si possono fare un sacco di bei giochetti con Dynamo/Python, ed ancora di più con c#, dot net, c++ , ecc.
                        Ma lasciano, in alcuni (molti) casi, il tempo che trovano!
                        Revit non è il contenitore di tutto. Anzi.
                        Le migliori applicazioni gestionali scrivono pochissimi dati o anche proprio nessuno.

                        Gli oggetti sono collegati al dbase gestionale tramite il loro ID.
                        E' così molto facile legare l'oggetto a diversi parametri e diversi scenari. Cosa che non puoi fare dentro a Revit se non duplicando all'infinito i parametri negli oggetti.
                        Revit lasciamolo alla modellazione/progettazione e sfruttiamolo eventualmente per visualizzare graficamente quegli scenari.
                        Bye Gjiom

                        "Sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci"


                        "Il BIM è anche un modello 3D, ma non tutti i modelli 3D sono BIM"

                        Comment


                        • #13
                          Completamente d'accordo, infatti all'inizio tutto e nato per la creazione di tavole tematiche...poi il discorso di Google Calendar è arrivato per mia curiosità e studio sulle api di Google.

                          Comunque, se servisse, al link sotto ci sono un po' di file e spiegazioni.
                          Last edited by IzzyCole; 22 November 2018, 11:13.

                          Comment


                          • #14
                            Mi inserisco anche io perché voglio approfondire il discorso di collegare un oggetto revit ad un database grazie al suo id. A proposito, vi state riferendo all’id normale o a qualcosa di più profondo come idguid (mi pare si chiami così non ho lookup ora con me).
                            "Non c'è sconfitta nel cuore di chi lotta!""

                            Comment


                            • #15
                              Io utilizzerei il GUID "Globally Unique Identifier" perchè l'ID dell'elemento potrebbe cambiare, mentre il GUID non cambierà mai.
                              Nelle mie future mire da sviluppatore notturno c'è l'idea di valutare l'utilizzo di Microsoft Access o mySQL per gestire, tra l'altro, il database relazionale di Revit, in modo da usarlo con altre "cose"...cosa siano queste "cose" non lo so ancora.

                              Comment

                              Working...
                              X