Announcement

Collapse
No announcement yet.

Workset Modelli MEP

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Workset Modelli MEP

    Ciao a tutti

    Lavorando con i file centrali si apre il grande tema dei Workset e del loro uso.
    Se lato architettonico ne ho visto fare mille usi diversi lato MEP mi sembra siano meno utilizzati.
    Personalmente li uso per raggruppare i link esterni, o eventuali DWG caricati.
    Voi per cosa usate i workset nei vostri modelli MEP?

  • #2
    Secondo me gli workset devono essere usati il meno possibile, quindi raggruppare link,di vario tipo è un uso corretto per quando si vuole scaricare in un colpo solo tutto ciò che esterno e tenerlo separato dal modello stesso. Nel MEP c'è chi utilizza gli workset per dividere le discipline o le sottodiscipline ma per me è più corretto spacchettare in più file quindi meno si usano gli workset come layer meglio è.

    Comment


    • #3
      Dico la mia anche se la esperienza nel MEP non è all'altezza di Neri chiaramente.

      Anche io concordo che ogni disciplina o addirittura sottodisciplina dovrebbero avere un file a se da assemblare insieme agli altri alla bisogna....

      Non è raro però che si debba lavorare in più persone sullo stesso file anche se appartiene ad una sola disciplina....in questo caso è indispensabile ricorre alla condivisione del file e conseguente attivazione dei Workset.....
      Il Workflow è abbastanza semplice anche se per la buona riuscita della cosa e per la salvaguardia mentale del coordinatore è bene stabilire a monte un protocollo e procedure vincolanti da seguire quasi militarmente.....
      Le scelte possono essere di due tipi....
      a) tutti lavorano e salvano sincronizzando e rilasciando tutto, in modo da rendere disponibile a tutti la propria porzione di lavoro.....a quel punto sarà difficile risalire a eventuali responsabilità in quanto tutti sono liberi di modificare tutti gli oggetti e quindi non si saprà mai con certezza chi ha fatto cosa...
      b) si assegnano porzione del progetto ad ogni singolo utente....che ne so, tizio piano primo, caio piano secondo oppure tizio centrale termica fino ai collettori e caio dai collettori fino a termosifoni.....si salva e sincronizza ma non si rilascia la proprietà degli oggetti ed in caso di conflitto sarà necessario mandare una richiesta al proprietario dell'oggetto che ci serve.

      questo a grandi linee chiaramente potrebbero esserci molteplici sfaccetature da valutare.
      Revittomane

      Comment


      • #4
        Una piccola precisazione trasformare un file locale in un centrale porta ad una creazione di default di due workset chiamati Level & Grid e Workset1.
        Quindi questo succede sempre ed ogni volta che creiamo un file centrale ovvero quando vogliamo abilitare più persone a lavorare contemporaneamente sullo stesso file.

        Quello che credo volesse specificare Jelk, se è prassi dividere ulteriormente il Workset1 in più workset dove dividere ad esempio per sottodisciplina o per piano.
        La mia opinione è che questo sia per la maggior parte delle volte non necessario e che pensare di usare gli workset per avere un controllo sul modello o i modellatori consuma inutilmente tempo e fatica rendendo meno efficiente il workflow.

        La procedura di borrow (prendere in prestito) uno o più oggetti e rilasciarli sincronizzando è abbastanza normale e diventa intuitiva dopo poco tempo, va da se che se lavorano più persone allo stesso file, il progetto abbia dimensioni sufficienti per non doversi rubare gli oggetti a vicenda e che delle linee guida indicate in anticipo nella giornata portino a non pestarsi i "piedi".

        Quindi più che spezzettare il modello in workset ritengo più giusto delle regole, task assegnati chiari con un corretto management e un audit cadenzato sul rispetto degli stessi.

        Comment


        • #5
          Originally posted by Jeik View Post
          ...lato MEP mi sembra siano meno utilizzati...
          Casomai è il contrario.
          Ci sono molti più utilizzatori delle parte ARC che di STR e MEP, di conseguenza l'uso improprio (come layer di autocad) è molto più diffuso appunto nella disciplina architettonica dove sono usati a ca22o anche e soprattutto se non serve.
          I migliori utilizzatori, e che spesso ne hanno proprio l'esigenza, rimangono gli impiantisti. Sarà perché è più chiaro il loro ambito di lavoro.

          Oltre a quanto detto da neri69 , e sui cui non posso che concordare, direi che c'è una confusione bestiale sui workset.
          Spesso NON SERVONO basta dividere bene i modelli e soprattutto assegnare correttamente le cose da fare ai modellatori/progettisti.
          I Wks si attivano solo se bisogna lavorare CONTEMPORANEAMENTE sullo stesso file in più utenti. Non centra che si stia lavorando nella stessa rete, piuttosto che su una Vpn, o su 360qualcosa, o Dropbox, ecc.
          I Wks poi NON sono una alternativa ai link tra files. Il link tra modelli / aggregati c'è sempre i Wks si attivano se serve su uno o più di questi files.

          Scenari di utilizzo dei Wks :
          -più utenti sullo stesso file che fanno più o meno tutto, è lo scenario più frequente e quello descritto da Neri nel post precedente.
          Il workset standard che crea Revit è usato da tutti indifferentemente.
          Alcune semplici regole di "convivenza" e di solito tutto funziona. Relinquish sarà la parola più scritta nelle chat/mail
          -più utenti sullo stesso file che si occupano di "parti/zone diverse"... tutti fanno più o meno tutto ma nella loro zona. Attenzione che per zona non si intende propriamente una zona perimetrata e divisa dalle altre. Quindi potrebbe essere che uno tira i muri dal piano terra al quinto ed uno dal sesto al tetto, ma anche che uno si occupa dei termovettori ed uno dell'aria.
          La creazione di nuovi ed appositi Wks in questo caso serve per fare in modo che un utente ne detenga la proprietà per lavorarci "staccato" dalla rete e essere sicuro di poter sincronizzare una volta tornato on-line. Caso classico di quello che va in cantiere a fare verifiche, o che si sposta in un altro ufficio, o si porta il lavoro a casa il weekend. Avere la proprietà di un Wks su cui lavori ti da la certezza di poter sincronizzare. Ovviamente chi rimane on-line non deve fare cazzate.
          -più utenti sullo stesso file che però è di dimensioni enormi (o avete dei pc inadeguati) sia come dimensioni fisiche di grandezza del fabbricato sia come byte del file. O tutti e due.
          È simile al caso precedente ma in più "accendi" solo i Wks che ti servono in modo da avere meno oggetti in visualizzazione.
          -un unico utente sullo stesso file che però è di dimensioni enormi.
          Spesso se il file è molto grande (dimensioni fisiche e/o byte) conviene worksetttizzarlo per poterci lavorare mantenendo delle prestazioni decenti.
          È come il coso precedente ma con un unico utente.

          Cose assolutamente da non fare...
          -Usare i Wks come layer... neri69 ti ricordi gli indiani di Abu Dhabi che avevano fatto un workset per ogni categoria ? così chi metteva le porte doveva chiedere il permesso a chi aveva i muri
          -Usare i Wks per sostituzioni grafiche o altro che poi finisco su stampe o su esportazioni o altro.
          Bye Gjiom

          "Sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci"


          "Il BIM è anche un modello 3D, ma non tutti i modelli 3D sono BIM"

          Comment


          • #6
            Intanto ringrazio tutti e 3 per l'opinioni offerta

            ​​​​​​Per Gjiom non volevo dire che per l'architettura ne viene fatto un uso sensato, non entro in merito non avendo mai fatto modelli ARC, dicevo solamente che ne ho visto fare grande uso.
            Io al momento ne sto sempre facendo l'uso che ne ha suggerito anche neri69 lavorando per la quasi totalità su Workset1 e creando Workset appositi solo per le porzioni (link o altro) che può essere interessante tenere chiuse per aumentare la fluidità del modello.
            Per quanto sia la metodologia che utilizzo anche io vedo però un grosso limite nella scomposizione dei modelli MEP in quanto si perde di continuità nei sistemi.
            Gjiom se non ho capito male tu proponevi qualcosa di simile a non scomporre i modelli per disciplina in modo da garantirne comunque la continuità ma gestendoli a mezzo Workset di Zona giusto? O comunque anche con i Workset di zona andresti lo stesso a dividere per disciplina?
            Ad oggi il dover scomporre i modelli MEP per renderli gestibili mi sembra ancora un limite piuttosto importate al flusso di lavoro, che ok se parto con le idee chiare, studio tutti i tipologi etc... va tutto bene ma se poi ho sbagliato (e tanto succede sempre) per rimettere mano ad una zona mi tocca lavorare su 3-4 modelli diversi con ovvi problemi. Sarebbe bello anche per i modelli MEP riuscire a non scomporre per disciplina

            Altro tema invece più tecnico è relativo al funzionamento dei workset stessi in fase di sincronizzazione dei modelli.
            Provo a spiegarmi meglio.
            Supponiamo che abbia un modello con 5 Workset, aprendo il modello specifico che li voglio tutti aperti ma poi lavoro solamente su uno di questi.
            Per come ragiona Revit in fase di sincronizzazione cambia qualcosa se tocco un Workset solo invece di tutti o comunque lo scambio dati avviene a prescindere sugli elementi Borrowed e quindi dipende solo da quanti elementi ho modificato indipendentemente dal Workset su cui risiedono?
            Spero di essermi spiegato

            Comment


            • #7
              La maggior parte degli utenti usa un unico solo workset, quello di default, ed è oltremodo sufficiente.
              A dire il vero probabilmente manco si sono accorti che se ne possano definire più d'uno. Per fortuna, aggiungerei...

              I casi particolari sono se "qualcuno" si deve staccare dalla rete, per un certo tempo, e continuare a lavorare. In questo caso se usate un unico workset la possibilità di NON riuscire a sincronizzare è abbastanza alta.

              I workset NON risolvono i problemi di una cattiva organizzazione del lavoro. Casomai li amplificano.
              I limiti al flusso di lavoro ve li create voi, parlo per esperienza diretta degli ultimi 8/10 anni, perché volete riportare il metodo che usavate in cad su quello Bim.
              C'è un BEP (pGI) ? Che c'è scritto riguardo al LOD e gli scopi della progettazione corrente ?
              Se non c'è scritto niente, o non c'è proprio, state progettando/modellando alla cieca.

              Sul perdere la continuità dei sistemi: non è vero, è sempre un problema di organizzazione.
              Esempio... ho 7 UTA da cui partono tubi di termovettori e canali d'aria: è ovvio che se faccio un workset per uta e canali mi perdo la possibilità di attaccarci i tubi.
              I Wks in questo caso andranno fatti per UTA e tutto quello che ci viene attaccato.

              Quando consigliamo di spaccare un modello per zona o disciplina/sotto-disciplina non intendiamo una zona ben delimitata o una singola sotto-disciplina. Intendiamo nel caso impiantistico "un sistema". Completamente diverso quando si parla di STR... qua la zona è semplice: cielo terra su giunto tecnico (semplificando).

              Lo spacchettamento dei modelli in files distinti non ha una regola precisa. Sia come link principalmente che come workset secondariamente.
              Dipende da quanto esteso è il modello complessivo, da quanto pesano i files, da quanti utenti/progettisti ci lavorano e dove stanno, ecc, ecc.
              Io NON sono per dividere per sotto-disciplina, anzi... la mia divisione ideale è sempre per sistema complessivo. Cioè la famosa Uta di prima con tutto quello che c'è attaccato (roba elettrica a parte).
              ...appunto per non perdere la continuità dei sistemi in caso di "spegnimento" del Wks o, peggio, di non poterli proprio attaccare se sono su file distinti.

              A prescindere da cosa hai attaccato e da quali Wks hai acceso spento o su cui lavori, Revit sincronizza solo le modifiche effettuate.
              Ed ovviamente vale per tutti gli utenti presenti.

              Comunque... la mia posizione ufficiale è:
              NON utilizzate i workset.
              Fare il possibile per NON utilizzarli.
              Se proprio serve... ok, organizziamoci e che ci siano regole chiare.

              Bye Gjiom

              "Sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci"


              "Il BIM è anche un modello 3D, ma non tutti i modelli 3D sono BIM"

              Comment


              • #8
                Ti ringrazio per il parere

                Comment

                Working...
                X